“Eravamo una lobby e non lo sapevamo”

Dopo aver letto il comunicato delle Sentinelle in Piedi di Fano, l’unico sentimento che non proviamo è lo stupore. Non lo proviamo, perché sono ormai mesi che le Sentinelle impiegano tutte le loro energie per diffamare sistematicamente i movimenti LGBT e femministi italiani, alimentando un clima di odio, sospetto e intolleranza che ricorda tanto una caccia alle streghe.

Tuttavia, ci dispiace. Ci dispiace veder riproporre continuamente questo coacervo di semplificazioni, distorsioni e mistificazioni. Non esistono “lobby”, “centri di potere” che in nome di un’“ideologia” tramano nell’ombra per “radere al suolo la famiglia tradizionale”. Questo modo di esprimersi non è solo ridicolo e ottuso, ma è anche deprecabile, perché equivale a strumentalizzare le difficoltà delle famiglie (chi potrebbe negare, in un momento di crisi come questo, che le famiglie – tutte! – si trovino in difficoltà?) per creare un “mostro”, un “capro espiatorio” su cui riversare tutto l’odio di cui si è capaci e a cui attribuire tutti i mali del mondo. I gay, quelli là, vogliono distruggere le famiglie, vogliono corrompere i bambini, vogliono usare le nostre donne come schiave (!), vogliono mandarci tutti in galera se non siamo d’accordo con “loro”… c’è qualche altra accusa assurda o basta così? Sono meccanismi che abbiamo già visto all’opera diverse volte nella storia, no?

Questo non lo diciamo per fare le vittime (ciò che invece piace molto alle Sentinelle), ma perché sotto l’etichetta posticcia di movimento “apartitico”, “aconfessionale”, “apolitico” le Sentinelle cercano di affermare, come se fossero scontate e “naturali”, certe idee della società e della famiglia che, invece, una connotazione religiosa e politica ce l’hanno eccome. Per esempio, l’idea che sia meritevole di tutela solo la famiglia formata da un maschio capofamiglia e una femmina sottomessa al marito, e che tutte le altre formazioni familiari debbano essere ignorate dal diritto o pubblicamente umiliate, non è un’idea “naturale”. È un’idea politica. Chiamiamo le cose con il loro nome.

I movimenti LGBT e femministi lottano affinché la società sia più inclusiva e conceda maggiori diritti a *tutti*, e soltanto una persona molto ignorante o molto in malafede può pensare che riconoscere diritti a qualcuno significhi toglierli a qualcun altro. Figuriamoci poi se i movimenti LGBT e femministi vogliono introdurre la schiavitù riproduttiva delle donne… Questa idea la mettiamo direttamente sullo scaffale “Deliri”.

Che ne pensi?

Fai login o registrati; altrimenti, compila i seguenti campi:

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, anche di terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, anche di terze parti, necessari al suo funzionamento nonche’ alla visualizzazione e condivisione sui social network di contenuti. Proseguendo nella navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (per es. un link o un'immagine), o chiudendo questo banner, lei presta il consenso all’uso dei cookie.

Chiudi