Agedo e Arcigay celebrano la Giornata contro l’omofobia a Fano

omocausto-locandinaIl 17 maggio ricorre la Giornata Internazionale contro l’omofobia, bifobia e transfobia istituita dal Parlamento Europeo con la Risoluzione sull’omofobia in Europa nel 2007 per promuovere la cultura del rispetto e dell’inclusione e per contrastare i pregiudizi e le discriminazioni motivati dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere. A Fano, Agedo (Associazione genitori di omosessuali) e Arcigay Agorà propongono una serie di eventi per ricordare questa Giornata in collaborazione con Rete degli Studenti Medi, Cgil, Arci, Anpi.

Il 15 Maggio verrà presentato il libro di Teresa Manes “Andrea oltre il pantalone rosa”, la storia di Andrea Spezzacatena, figlio di Teresa, ragazzo di 15 anni che si è tolto la vita il 20 novembre 2012 nella sua casa di Roma. “Io non mi sarei mai potuta vergognare di mio figlio. Se Andrea fosse stato gay, in famiglia non sarebbe cambiato nulla” dice Teresa Manes, che ha voluto coraggiosamente raccontare il dolore della sua perdita, ricostruendo quei terribili momenti con la speranza che il suo sforzo possa aiutare altri a vincere il pregiudizio. Le presentazioni, che hanno il Patrocinio del Comune di Fano, saranno due: al mattino presso il Liceo scientifico Laurana di Urbino, al pomeriggio presso la Sala Ipogea della MeMo di Fano, alle ore 17. Interverranno, oltre all’autrice, la psicologa Gloria Nobilini e Mario Zamboni, presidente dell’Associazione Vocinelvento.

Il 16 Maggio alcuni volontari di Arcigay, GAP Urbino e Rete degli Studenti Medi distribuiranno all’entrata delle scuole superiori della Provincia materiale informativo sull’omofobia nelle scuole, per ricordare a tutti che sono oltre 100.000 le vittime di bullismo omofobico per anno scolastico in Italia.

Il 17 Maggio nella Sala Ipogea della MeMo di Fano alle ore 10 sarà inaugurata in anteprima la Mostra “Omocausto: lo sterminio dimenticato degli omosessuali”. Alle ore 16:30, nell’aula didattica della MeMo verrà proiettato il documentario “Essere Lucy” di Gabriella Romano che racconta la storia di Lucy, una transessuale italiana che ha vissuto la terribile esperienza dell’internamento a Dachau. Entrambi gli appuntamenti, che hanno il Patrocinio del Comune di Fano, verranno presentati alla stampa sabato 16 maggio alle ore 9:30 presso la Sala della Concordia del Comune di Fano.

Che ne pensi?

Fai login o registrati; altrimenti, compila i seguenti campi:

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, anche di terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie tecnici e analytics, anche di terze parti, necessari al suo funzionamento nonche’ alla visualizzazione e condivisione sui social network di contenuti. Proseguendo nella navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (per es. un link o un'immagine), o chiudendo questo banner, lei presta il consenso all’uso dei cookie.

Chiudi